L’idrosommelier è uno specialista delle acque minerali: oltre a sapernedistinguere i sapori, sa consigliare i giusti abbinamenti con i cibi e con i vini, per armonizzare al meglio il gusto. A chi, dovendo ordinare da bere al ristorante, non è mai capitato di consultare la carta dei vini o di farsi consigliare dal sommelier quello che meglio si sposa con il piatto da ordinare? E a chi, invece, è mai venuto in mente di andare oltre alla distinzione “liscia o gassata” e farsi consigliare anche l’acqua minerale? Per chi non lo sapesse, esiste infatti un esperto ad hoc a cui rivolgersi, l’idrosommelier.

Orientarsi tra le tante indicazioni presenti sull' etichetta delle acque minerali e leggerla correttamente spesso può non essere cosa semplice per i non addetti ai lavori. Ma può essere meno difficile di quanto si pensi, basta avere chiari alcuni elementi *.

 

Nel corso degli ultimi 15 anni, il consumo di acqua minerale in PET è sensibilmente aumentato raggiungendo circa il 70/75% dell’intera produzione. Ciò per effetto della domanda proveniente dal consumatore, che trova questo contenitore estremamente pratico e comodo da utilizzare.

 

 

A quando risale la prima bottiglia di acqua minerale? Le virtù salutari dell’acqua termale erano conosciute sin dall'antico Egitto; testimonianze di veri e propri centri di benessere realizzati da Phraortes, re della Media, inducono a pensare che il fenomeno sia antecedente al 600 a.C. Anche i greci facevano dell’acqua un abbondante uso salutistico.

Secondo gli storici gli Etruschi, prima ancora dei Romani, avevano già inventato l’idroterapia. Nonostante tutto questo, il fenomeno dell’imbottigliamento e della vendita dell’acqua minerale trova le sue origini in età moderna, grazie alle prime farmacie.

Un elemento fondamentale. Siamo fatti d’acqua.

Come potrebbe non essere importante la quantità e la qualità dell’acqua che assumiamo ogni giorno? Nell'uomo adulto l'acqua rappresenta circa il 60% del peso corporeo. E per i più piccoli la percentuale sale quasi all'80%.

Bere acqua: quanto, come e perché.

Vitruvio Pollione, il celebre architetto romano, scrisse: “L’acqua è indispensabile alla vita umana in quanto soddisfa i piaceri e i bisogni dell’uso quotidiano. Fra tutti gli elementi nessuno sembra necessario come questo, perché senz’acqua nessuna forma di vita animale o vegetale può nascere, crescere e sopravvivere. Perciò è necessario ricercare e scegliere con la massima cura quelle sorgenti che possono assicurare la salubrità alla vita dell’uomo.”

Dei diversi impieghi dell'acqua, soprattutto quello per la salute e il benessere ha antiche origini: furono i greci a riconoscere alle acque minerali naturali diverse virtù terapeutiche. Già dai tempi di Omero era noto il potere curativo delle acque termali e la pratica dei bagni freddi e caldi. Empedocle preconizzava il rapporto tra acque termali e fenomeni vulcanici.