Acqua potabile rapporto Ispra

L’Ispra ha pubblicato il rapporto 2016 sulla presenza di pesticidi nelle acque. BrianzAcque,però, garantisce che non ci sono pesticidi nell’acqua del rubinetto dei brianzoli: «Acqua di qualità e super controllata» Pesticidi nelle acque dei comuni lombardi, Brianza compresa.

Lo dice il rapporto 2016 dell’Ispra, Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. I dati riferiti su scala nazionale e regionale riguardano il biennio 2013 e 2014. E nelle tabelle che riportano quelli lombardi vengono segnalati anche comuni brianzoli.

La rete cui si riferisce la ricerca comprende 303 punti delle acque superficiali e 521 di quelle sotterranee. Le indagini hanno riguardato 3.209 campioni per un totale di 80.857 misure analitiche. «Nelle acque superficiali - così recita il rapporto nel capitolo relativo alla Lombardia- ci sono residui nel 78,5% dei punti e nel 38,6% dei campioni. Sono state rinvenute 43 sostanze; le più frequenti sono AMPA, terbutilazina, terbutilazina-desetil e glifosate.

E cominciò a far scendere la nuvoletta verso il basso. intanto arrivarono nuvoloni grigi da ogni parte e venti gelidi incomincia vano a soffiare. Gocciolina si sentì stanca, poi si mise a danzare, leggera come un petalo di fiore. Anche le sue amiche e i suoi parenti si erano trasformati in farfalline bianche che danzavano nell'aria: "Che cosa è successo?" chiese al vento. " "Sei diventata un fiocco di neve" le rispose. Che gioia" esclamò Gocciolina e continuò a danzare finché fu stanca. "Scendi a riposarti sulla montagna" le suggerì il vento. Gocciolina si posò sulla montagna e si addormentò, insieme a milioni di altri fiocchetti, tutti stretti stretti l'uno contro l'altro. La neve continuava a scendere dal cielo e premeva col suo peso sul fiocchetto di Gocciolina e dei suoi compagni, tanto da trasformarli in ghiaccio. Il ghiaccio si accumulò, divenne tanto grande da essere chiamato "ghiacciaio" e cominciò a scivoLare lentamente giù per la montagna, verso la valle dove faceva meno freddo.

La caratteristica più importante che distingue l'acqua minerale da quella potabile è la totale assenza di trattamenti di disinfezione. Ne consegue che, per certi aspetti, un'acqua minerale può essere considerata di qualità migliore anche se, in entrambi i casi, le acque devono risultare batteriologicamente pure. In particolari circostanze può accadere che l'acqua di rubinetto sia addirittura migliore dell'acqua in bottiglia, visti i controlli più rigorosi e frequenti previsti dalla legislatura italiana.

Intanto l'aria era diventata molto fredda. "Ahime!" pianse Gocciolina, "non so cosa mi stia succedendo, ma mi pesa la testa.

Quest'aria fredda mi fa male. Non posso più volare!" Mentre diceva così, precipitò giù, seguita da tutte le sue compagne che erano ridiventate gocce d'acqua, come lei.

Hai già trovato l’acqua minerale più adatta al tuo gusto e alle tue necessità? Se ancora non sei sicuro, proviamo a prendere in esame deicasi e delle esigenze più specifiche.

Nell'ultima puntata abbiamo lasciato la nostra Gocciolina su una appena arrivata su una nuvola ed ecco che incontrerà nuovi e vecchi amici, vivendo una nuova avventura.

Scopriamo insieme il ciclo dell'acqua seguendo le avventure di gocciolina, puntata dopo puntata scopriremo il percorso che fa l'acqua nel ciclo naturale

 

L’idrosommelier è uno specialista delle acque minerali: oltre a sapernedistinguere i sapori, sa consigliare i giusti abbinamenti con i cibi e con i vini, per armonizzare al meglio il gusto. A chi, dovendo ordinare da bere al ristorante, non è mai capitato di consultare la carta dei vini o di farsi consigliare dal sommelier quello che meglio si sposa con il piatto da ordinare? E a chi, invece, è mai venuto in mente di andare oltre alla distinzione “liscia o gassata” e farsi consigliare anche l’acqua minerale? Per chi non lo sapesse, esiste infatti un esperto ad hoc a cui rivolgersi, l’idrosommelier.