Consigli per l'idraazione dei bambini

Per uno stile di vita sano, sia per gli adulti quanto per i bambini, l'acqua va bevuta spesso e con regolarità. E' una componente basilare alla salute e al benessere, ormai è risaputo, soprattutto in fase di sviluppo.

L'idratazione per il nostro corpo, che è composto in gran parte di acqua, è determinante.

Anche se siamo dotati di un sistema biologico di autocontrollo, che ci avverte quando il nostro corpo è in carenza di liquidi, il momento in cui avvertiamo lo stimolo della sete è già tardi e stiamo già iniziando a disidratarci.

I consigli dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare

Ovviamente la necessità di bere acqua non è uguale per tutti e tutte le situazioni, infatti attività fisica, clima e età sono variabili determinanti.

Bambini e anziani, per esempio, hanno esigenze legate all'idratazione differenti da quelle di un adulto di media età.

Ecco che l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, ha aggiornato i valori di riferimento per l'assunzione di vari nutrienti, tra cui l'acqua.

L'ente ha fornito una specifica sulle quantità d'acqua da assumere in totale, tra assunzione diretta e indiretta, a seconda dell'età e del sesso in condizioni ambientali e fisiche di tipo medio:

  • neonati sino a sei mesi di vita: 100 mL/kg al giorno (attraverso il latte)
  • bambini tra 6 mesi e un anno di età: 800-1000 mL/giorno,
  • bambini tra 1 e 3 anni di vita: 1100-1300 mL/giorno,
  • bambini tra i 4 e gli 8 anni di età: 1600 mL/giorno;
  • età compresa tra 9-13 anni: 2100 mL/giorno per i bambini e 1900 mL/giorno per le bambine;
  • adolescenti, adulti e anziani: 2 L/giorno per le femmine e 2,5 L/giorno per i maschi

Differenze tra idratazione di adulti e bambini

Ciò che balza all'attenzione è che i bambini hanno una necessità di assunzione di liquidi maggiore in rapporto al peso degli adulti.

Mediamente questa necessità si attesta attorno al 50% di acqua in più.

Da studi si è riscontrato che questa necessità è legata a una maggiore capacità di scambio termico con l'esterno dei bambini, oltre a una maggiore attività fisica e a un metabolismo accelerato.

Tutta questa differenza metabolica conduce a una maggiore perdita di liquidi che devono essere reintegrati.

Bere ancora prima di avere sete

idratazione e alimentazione bambini

Il problema è che spesso il bambino non si rende conto della necessità di bere.

Un problema dell'attenzione dei bambini che si traduce in una scarsa assunzione di acqua rispetto alle necessità, esponendoli così a disidratazione.

Ecco, dunque, che è importante insegnare fin da tenera età, che è sempre una buona regola bere ancora prima di avere sete.

Per incoraggiare i bambini a bere ci sono varie soluzioni, spesso infatti, i piccoli, non trovano gradevole il sapore dell'acqua o la sua temperatura.

Consigli per incoraggiare i bambini a bere acqua con regolarità

E' dimostrato che acqua fresca o frizzante con aggiunta di limone o frutta può invogliare significativamente al consumo i nostri figli.

In aiuto dei genitori vengono in soccorso anche strumenti come i frigogasatori.

Questi sono sistemi con membrane osmotiche che, oltre a rendere l'acqua pura da microplastiche e altri agenti inquinanti, sono in grado di produrre acqua frizzante, fresca o naturale, a seconda delle necessità solo premendo un tasto.

In più aiutano l'ambiente, evitando la necessità di acquistare acqua in bottiglie di plastica e facendo risparmiare sul bilancio familiare una discreta cifra, tutti elementi che concorrono a migliorare lo stile di vita dei nostri figli.

Quindi, se siete genitori preoccupati per la salute dei vostri bambini e desiderate che bevano più acqua, il prodotto ideale per voi è: il frigogasatore ad osmosi inversa Alaska.