Partita la piattaforma unificata di gestione dei dati ambientali per la città di Milano, l'accordo prevede un sistema unico condiviso per la publicazione dei dati sul sistema idrico che dal 2017 ospiterà anche informazioni geografiche con i dati ambientali non riguardanti direttamente l'acqua.

Si tratta dell'ultimo tassello in ordine temporale di una strategia che ha portato il sistema informativo a trasformarsi condividendo con altre realtà territoriali e aziende i propri dati.

Il sistema prevede ambienti specifici dedicati ai tecnici comunali, ad ingegneri, architetti e urbanisti e alle forze dell'ordine per i controlli della sicurezza sui cantieri, fino ad arrivare ad aprire la piattaforma a tutti i cittadini, che troveranno i dati in tempo reale direttamente su web.
Nell'ultimo anno è stato condiviso anche con le due aziende idriche Brianzacque (Monza) e Uniacque (Bergamo), nel contesto della rete di imprese Water Alliance - Acque di Lombardia.

Sempre più verso la smart cities dunque, prefigurando una gestione intelligente delle risorse e dei dati a disposione sempre e in maniera trasparente per tutti, dove le strategie sono improntate all'ottimizzazione e all'innovazione dei servizi, così da relazionare le infrastrutture fisiche con il capitale umano e quelle virtuali.